Documento senza titolo
il festival
:: presentazione
:: PPT ragazzi
:: Junior
:: dove e come
eventi
:: Caf Letterario
:: mostre
:: spettacoli
dal vivo
:: notizie
:: nel pallone!
:: ascolta sul PC
:: AUDAY-fanzine
:: Cartoline
:: Ke lettore 6?
:: fotoFestival?
ufficio stampa
:: organizzatori
:: rassegna stampa

 

 

dove e come
Sede: il Michelerio
foto di G. Morra
Come arrivare
scarica la cartina
 
  Link consigliati  
guarda il programma
scarica il volantino
organizzatori
 

Il complesso dell'Opera Pia Michelerio nasce nella prima metà del '500 come monastero del Gesù, sede dell'Ordine delle Monache Francescane Clarisse Minori Osservanti del Gesù, dette poi Urbaniste.
Nel 1540 venne dato inizio alla fabbrica e nel 1549, sul sedime di edifici preesistenti, si prese a costruire la Chiesa in testata del complesso religioso. I lavori vennero portati a termine nel 1558, ma soltanto quaranta anni più tardi, nel 1589, fu consacrata la chiesa, dedicata al S.S. Nome di Gesù.
Nel 1725 il pittore astigiano Giancarlo Aliberti venne chiamato ad affrescare la volta della chiesa, ove dipinse un pregevole Paradiso. La stessa chiesa nel 1755 fu ancora abbellita da un coro ligneo donato dall'Abbazia di Solaro di Breglio.
Nel 1767 ebbe inizio la prima ristrutturazione del complesso, forse la più significativa, quella che nelle forme e nei caratteri principali ci consegna immutata l'immagine delle masse edilizie così aggregate.
Il progetto di ristrutturazione ed ampliamento, forse di Benedetto Alfieri, fu condotto inizialmente da Giovanni Maria Molino sulla traccia del ben più illustre architetto.
Nelle intenzioni del progettista, il complesso edilizio risultava essere distribuito intorno ad un nucleo centrale chiuso da quattro bracci porticati prospettanti un cortile interno a guisa di chiostro, ancor oggi elemento caratterizzante del Michelerio.
Nel settembre del 1802, in seguito alla soppressione dei monasteri imposta dalle autorità francesi occupanti, il complesso passò alla proprietà del Demanio Nazionale.
Nel corso del XIX Secolo il complesso venne destinato a molteplici utilizzi e nel 1870 fu messo all'asta e acquistato dal canonico Cerruti; questi impiegò per l’acquisto il patrimonio di CLARA MICHELERIO, una anziana signora molto facoltosa e pia che, non avendo parenti, aveva espresso il desiderio di impiegare quanto possedeva nell’erezione di un’ opera di beneficenza. Clara Michelerio muore nel 1863, ma già un anno prima è attiva l’opera pia a lei intitolata, che sotto la direzione del canonico Cerruti si dedica ad accogliere, ospitare ed educare i giovani orfani della Città di Asti e del circondario.
Nel 1873 giunge finalmente il decreto di autorizzazione all’acquisto del complesso del “quartiere del Gesù” che diventa la sede definitiva dell’OPERA PIA MICHELERIO”, un istituto che ha lo scopo di dare accoglienza ai giovani abbandonati, di allevarli cristianamente e insegnare loro un mestiere affinché da adulti possano diventare buoni cristiani.
L'Opera Pia Michelerio cessò l'attività nel 1971 e da allora vennero meno le necessarie opere di manutenzione dell’edificio.
In seguito il complesso è stato occupato fino alla fine degli anni “80 da diverse piccole attività, prevalentemente a carattere artigianale e commerciale.
Nel 1992 l’Opera Pia Michelerio mette in vendita l’immobile, oramai in condizioni di abbandono e di accelerato degrado, che viene acquistato dallo I.A.C.P., ora Agenzia Territoriale per la Casa di Asti: questa promuove la redazione di un piano particolareggiato da parte del Comune di Asti, che si propone di ridare vitalità al complesso del palazzo Michelerio e di permettere alla comunità di goderne gli spazi. Il Palazzo Michelerio diventerà quindi un polo di attività commerciali e culturali ed un importante patrimonio per tutta la città di Asti, in coerenza con gli ideali di chi in esso originariamente operò.

PPT ringrazia l'ATC - Agenzia territoriale per la casa di Asti e l'Ente Parchi e Riserve Naturali di Asti che hanno gentilmente messo il Palazzo del Michelerio a sua disposizione

 
  Link consigliati  
guarda il programma
scarica il volantino
organizzatori
 

 

 

 

Biblioteca Astense - corso Alfieri 375, 14100 Asti
tel +39.0141.531117-593002 fax +39.0141.531117
info@passepartoutfestival.it
web: www.icozorz.it

:: about PPT

Auday:
scarica l'ultimo numero (15 maggio)

concorsi
un festival, tre concorsi: partecipa e puoi vincere un libro al giorno e un soggiorno per due persone in un agriturismo
:: adotta il festival
:: fotografa PPT
:: vota il libro

una frase al giorno
Infatti chi ha bisogno di amare sceglie e chi ha bisogno di essere amato, scelto.La differenza tra i due sta nel fatto che l'oggetto d'amore sempre inerme rispetto al soggetto;che pu illudere e disilludere ,prendere e abbandonare.
Goffredo Parise

:: scrivi la tua frase

:: scarica tutte le frasi del cuore (.pdf)