Passepartout - Pensieri e Parole - 2012: Nella fine il principio.
Le immagini sono riferite all'edizione 2010
Cerca nel sito

Data: 03-12-2012
Pagine nel Cassetto
Un Concorso letterario per aspiranti scrittori

Data: 19-06-2012
Chiusura Passepartout 2012

Data: 18-06-2012
Umberto Eco a Passepartout
Il forum organizzato da La Stampa

Data: 18-06-2012
Passepartout: penultima giornata
con Aldo Grasso e Luca Mercalli

Data: 16-06-2012
Massimo Cacciari a Passepartout

Data: 15-06-2012
Televisione? Parlandone da viva
Forum di Passepartout

Data: 14-06-2012
Che fine ha fatto l'opera d'arte
Forum di Passepartout

Data: 14-06-2012
Luca Ricolfi in: Fine della crescita?

Data: 13-06-2012
Mieli ad Asti per Passepartout

Data: 13-06-2012
Gentile pubblico, guardatevi con "i loro occhi"

Data: 12-06-2012
Pietro Ichino a Passepartout
Che cosa ci impedisce di lavorare?

Data: 11-06-2012
Sergio Romano inaugura Passepartout

Data: 01-06-2012
Passepartout Junior
Un successo risata dopo risata

Data: 31-05-2012
Riflessioni - Il Platano per Passepartout

Data: 19-05-2012
Rimandato il laboratorio di giornalismo

Data: 04-05-2012
Film fotografico
Con i loro occhi

Data: 04-05-2012
Passepartout “Pensieri e Parole” 2012: Nella fine il principio.
Asti, 10-17 giugno 2012

Data: 18-03-2012
L’infinita vanità degli scrittori
Cosa non si fa per vincere un premio letterario

Data: 27-02-2012
Chiusura di Passepartout Eh Hiver
Un successo dal primo all'ultimo incontro

Data: 20-02-2012
Ricucire l'Italia con i nostri passi
Ieri Andrea Amerio a Passepartout

Passepartout suggerisce
La Stampa

Data: 12-06-2011
Messaggio del Ministro per le Pari Opportunità Mara Carfagna

Care amiche e cari amici,
consentitemi, attraverso questo breve messaggio, di ringraziarvi per come, in questa settimana densa di appuntamenti, affronterete la questione della centralità del ruolo della donna negli ultimi cento anni, nella nostra società. Vi ringrazio soprattutto di avere riunito a confrontarsi, come nelle passate edizioni della vostra iniziativa, personalità di spicco della cultura, intellettuali ed esperti.



La storia dell’ultimo secolo è fatta di tantissimi volti di donne, accomunate da un unico volere: quello di vivere in una società avanzata, nella quale il rispetto reciproco dei generi è paradigma di una democrazia matura. Sicuramente la nostra è una società migliore e più a misura di donna anche grazie a loro, per l’impegno costante con cui hanno sostenuto i loro ideali e sono riuscite a trasmetterli alle generazioni alle quali hanno ceduto il passo.

Quest’anno è il 150° anniversario dell’Unità d’Italia e, nelle numerose celebrazioni, è stato finalmente riconosciuto il giusto spazio al contributo delle donne, determinanti nella storia della nostra nazione. Nel mio discorso al Quirinale, in occasione dell’8 marzo, ho voluto citarne alcune: Armida Barelli, coofondatrice dell’Università Cattolica, sostenitrice del voto alle donne; Nilde Iotti, primo Presidente della Camera, rimasta in carica per ben 13 anni; Lina Merlin che partecipò alla stesura della Costituzione, Tina Anselmi, prima donna Ministro, che, con la prima legge sulle pari opportunità del 1977, rese un reato le discriminazioni sul lavoro e la differenza di retribuzione.

Grazie a loro, tra le tante, le donne sono uscite da quel limbo nel quale erano confinate. Grazie a queste signore, alle loro conquiste, oggi le donne possono godere degli stessi diritti e delle stesse possibilità degli uomini. Grazie a loro le istituzioni, in questo secolo, possono occuparsi di come migliorare la qualità della loro vita, proseguire questo processo virtuoso che consentirà loro di raggiungere finalmente le “pari opportunità”. Sicurezza, parità di accesso nel mondo del lavoro e nella rappresentanza politica sono le priorità. La legge contro la violenza sessuale e lo stalking, la nuova tipologia di reato che, al suo secondo anno, registra 547 denunce e 95 arresti in media al mese, è solo un esempio delle iniziative volte a dare alle donne maggiore tutela. Quindi il lavoro: in Italia l’occupazione femminile è ancora troppo bassa, soprattutto a Sud. Per questa ragione è importante investire – come stiamo facendo – sui servizi per l’infanzia e l’adolescenza. Ciascuna donna non dovrebbe essere costretta a scegliere tra lavoro e famiglia.

Quanto alla partecipazione, il Parlamento sta discutendo due provvedimenti importanti: le quote rosa nei consigli di amministrazione delle società quotate e partecipate e la doppia preferenza di genere nelle elezioni comunali e provinciali. Meccanismi, questi, che, senza imporre nulla a nessuno, consentiranno il coinvolgimento di più donne in mondi come quello dell’economia e della politica.

Una cosa è certa: discutere di questi temi, come state facendo voi, non è una “questione da donne”. Ma un argomento di vitale importanza per l’economia e la società del nostro Paese. Come ha detto più autorevolmente di me il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, “discutere la causa dei diritti delle donne non è solo la causa delle associazioni delle donne. E’ una causa comune, è una causa generale, è una questione di principio, è una questione di fondamento costituzionale”.

Buon lavoro
Mara Carfagna

Biblioteca Astense | Corso Alfieri, 375 - 14100 Asti | tel 0141.531117 - 0141.593002 | fax 0141.531117 - web: icozorz.it