Documento senza titolo
il festival
:: presentazione
:: PPT ragazzi
:: Junior
:: dove e come
eventi
:: Cafè Letterario
:: mostre
:: spettacoli
dal vivo
:: notizie
:: nel pallone!
:: ascolta sul PC
:: AUDAY-fanzine
:: Cartoline
:: Ke lettore 6?
:: fotoFestival?
ufficio stampa
:: organizzatori
:: rassegna stampa

 

 

passepartout festival internazionale di letteratura
 
 
  Link consigliati:  
torna indietro
 
06-06-2004
DANZE INFUOCATE DEL SUD
suoni e colori della tradizione

La Paranza del Geco è la più importante Compagnia Artistica del Nord Italia attiva nella rappresentazione e nella salvaguardia delle tradizioni popolari musicali e coreutiche dell’Italia del Sud. Con i suoi spettacoli ripropone l’atmosfera delle più coinvolgenti feste popolari del Sud, garantendo performance di altissimo valore culturale, grazie all’approfondito lavoro di ricerca, e di grande energia e forza dinamica, grazie all’esperienza professionale dei componenti nell’ambito della musica e della danza.

Gli spettacoli de La Paranza del Geco sono frutto del continuo lavoro di ricerca e di studio delle tradizioni popolari del sud Italia che il gruppo attua da oltre quattro anni, ed hanno la gradevole capacità di coniugare sapientemente l’azione culturale del recupero e della divulgazione della tradizione popolare con una rappresentazione artistica di alto livello qualitativo e di sicuro coinvolgimento del pubblico.
Un’occasione unica di venire a contatto con una cultura considerata ormai lontana, ma in realtà solida componente del nostro retroscena culturale.

Il repertorio
Gli spettacoli della Paranza del Geco sono ricchi di fascino e di atmosfera grazie all’utilizzo di strumenti antichi, dal suono arcaico e senza tempo, come la tammorra ed il tamburello, il doppio flauto, rappresentato già nelle pitture vascolari della Magna Grecia, i flauti armonici, anticamente costruiti in ossa d’uccello, il marranzano…
I canti a distesa, ricchi di fioriture e di melismi, delle tradizioni napoletane e salentine, serenate, ninnananne, canti d’amore e di lavoro, nei vari dialetti locali e nel dialetto Griko salentino, apriranno al pubblico una finestra sconosciuta sulle musiche e sulle danze rituali più antiche della tradizione orale del Sud Italia, ritualità che ci testimoniano l’anima dai mille volti del Sud, variegata dalle influenze culturali subite nel corso dei millenni…Messapi, Calabri, Fenici, Greci, Latini, Egizi, Bizantini, Spagnoli, Arabi, Ottomani, Longobardi, Normanni, Magrebini, Saraceni...

Accompagnati da strumenti popolari originali, i musicisti e le ballerine del gruppo guideranno il pubblico ad abbandonarsi alla piacevole euforia dei ritmi veloci ed incalzanti delle più belle tarantelle tradizionali, alternate a canti originali, in un affascinante viaggio tra Puglia, Basilicata, Campania, Calabria e Sicilia.
La vorticosa e scatenata pizzica pizzica salentina, antica danza terapeutica utilizzata per la cura dei “tarantati”, indiavolate e coinvolgenti tarantelle di Montemarano, legate ai festeggiamenti del Carnevale, sensuali e veloci tarantelle calabresi, danze di duello e corteggiamento, ed ancora estatiche ed ipnotiche tammurriate napoletane, legate ad antichissime ritualità di origine greco-romana, sono solo alcune delle danze del ricco repertorio della Paranza del Geco.

Un concerto legato alla teatralità popolare
I concerti e gli spettacoli della Paranza del Geco superano la concezione classica del concerto da palco, creando un’atmosfera ed un’energia uniche, vicine tanto al pathos della rappresentazione teatrale, quanto all’energia vitale, corporea, dinamica, delle feste popolari dell’animo più profondo del più intimo Sud.

Con la presenza fisica delle danzatrici tra il pubblico, di fattucchiere teatranti, di una banda che dà il via al concerto dal fondo della piazza, di un Pulcinella attarantato, del coinvolgimento del pubblico in canti filastrocche ritornelli, La Paranza del Geco porta nelle piazze e nei teatri lo spirito degli artisti di piazza, degli anziani musicisti della tradizione più autentica, dei saltimbanchi e degli imbonitori…

La costante presenza delle danzatrici in tutti gli spettacoli impreziosisce le esibizioni, donando una forte interpretazione dinamica e visiva alle musiche decise e veloci, aumentando il già forte impatto scenico del ricco spettacolo musicale.

Le danzatrici si esibiranno in assoli ed in danze di coppia, sia sul palco, ove la struttura lo renda possibile, sia tra il pubblico. Il loro costume è di ispirazione popolare e zingaresca, arricchito di foulards colorati e ampie gonne e sottogonne, create per sottolineare ed esaltare i continui movimenti rotatori presenti in queste danze.

Spettacolo da vedere e da vivere
Gli spettacoli della Paranza del Geco sono studiati per soddisfare sia il pubblico amante della danza e degli spettacoli dinamici, colmi di ritmo e movimento, sia il pubblico che esige buona musica, ricca di capacità tecnica ed espressiva. Il pubblico potrà essere coinvolto direttamente nelle danze, mutando durante la durata del concerto il suo ruolo da semplice spettatore a vero fruitore dei ritmi e delle melodie che il nostro gruppo propone, trasformando così il concerto in una vera e propria festa popolare di ballo.

Lo spettacolo potrà essere diviso in due tempi: un primo momento di rappresentazione e dimostrazione, di ascolto e di “cattura” del pubblico, ed un secondo momento di richiamo fedele dell’atmosfera delle feste di piazza del Sud, in cui il pubblico sarà guidato ad unirsi alle ballerine e ad abbandonarsi ai piacevoli ritmi incalzanti delle tarantelle…


A Palazzo del Collegio, via Carducci 64

Autore www.paranzadelgeco.com




 
  Link consigliati:  
torna indietro
 
 
 

Biblioteca Astense - corso Alfieri 375, 14100 Asti
tel +39.0141.531117-593002 fax +39.0141.531117
info@passepartoutfestival.it
web: www.icozorz.it

:: about PPT

Auday:
scarica l'ultimo numero (15 maggio)

concorsi
un festival, tre concorsi: partecipa e puoi vincere un libro al giorno e un soggiorno per due persone in un agriturismo
:: adotta il festival
:: fotografa PPT
:: vota il libro

una frase al giorno
... ogni cavallier che è senza amore, se in vista è vivo, vivo è senza core.
Matteo Maria Boiardo

:: scrivi la tua frase

:: scarica tutte le frasi del cuore (.pdf)