Documento senza titolo
il festival
:: presentazione
:: PPT ragazzi
:: Junior
:: dove e come
eventi
:: Cafè Letterario
:: mostre
:: spettacoli
dal vivo
:: notizie
:: nel pallone!
:: ascolta sul PC
:: AUDAY-fanzine
:: Cartoline
:: Ke lettore 6?
:: fotoFestival?
ufficio stampa
:: organizzatori
:: rassegna stampa

 

 

passepartout festival internazionale di letteratura
 
 
  Link consigliati:  
torna indietro
 
11-05-2005
Debutta in prima nazionale «Meu querido Nininho»
Si evoca sul palcoscenico l’amore tra Pessoa e Ofelia

Debutterà stasera alle 22,30, in prima nazionale assoluta, a Passepartout lo spettacolo «Meu querido Nininho», con la regia di Ana Maria Ghisalberti e drammaturgia di Paolo Bolla con Linda Montecchiani e Lorenzo Marangon. Seguendo alcune tendenze ormai affermate del teatro di narrazione, Paolo Bolla ha scelto di parlare di un momento delicato e intimo della vita del più famoso poeta e scrittore portoghese, Fernando Pessoa, da un altro punto di vista, ovvero quello della fidanzata Ofélia. Un intelligente approfondimento storico e letterario sui documenti ha portato a delineare due profili di grande valore umano oltre che letterario e teatrale. Il testo curato da Bolla nasce spontaneamente dal materiale: è un punto di vista, una «scrittura seconda», sulla storia di Fernando e Ofélia, ma nella più totale fedeltà e rispetto della trascrizione del testo dell'epistolario tra Ofelia e i vari io di Pessoa. Gli attori, i giovani e bravi Linda Montecchiani e Lorenzo Marangon, hanno lavorato sul tema della narrazione e del dialogo interiore, trovandovi punti di contatto con i personaggi. Affiorano timidezze e fragilità che fanno vibrare due anime e rendono i movimenti delle parole e la spazialità dei sentimenti un linguaggio profondamente contemporaneo. La scelta musicale è legata a suoni che possono richiamare l'eco gioioso, vitale e malinconico della vicenda. La regista Ana Maria Ghisalberti, poliedrico e raffinato talento che spazia dalla televisione al Teatro alla Scala, dice: «Importante per me è trovare una doppia dimensione, dove i due personaggi possono incontrarsi. Per questo la scenografia è essenziale, quasi austera. Una sedia, quella di Ofelia, avanza rispetto all’altra, perché di Ofelia sento la storia. Fernando compare, evocato, desiderato, temuto, amato».
Autore C.F.C. - La Stampa




 
  Link consigliati:  
torna indietro
 
 
 

Biblioteca Astense - corso Alfieri 375, 14100 Asti
tel +39.0141.531117-593002 fax +39.0141.531117
info@passepartoutfestival.it
web: www.icozorz.it

:: about PPT

Auday:
scarica l'ultimo numero (15 maggio)

concorsi
un festival, tre concorsi: partecipa e puoi vincere un libro al giorno e un soggiorno per due persone in un agriturismo
:: adotta il festival
:: fotografa PPT
:: vota il libro

una frase al giorno
Ne' propriamente si puo' dire che i tempi sono tre, passato,presente e futuro.....Essi sono nell'anima, altrove non li vedo. Il presente del passato e' la memoria, il presente del presente e' la visione, il presente del futuro e' l'attesa.
S.Agostino

:: scrivi la tua frase

:: scarica tutte le frasi del cuore (.pdf)