Documento senza titolo
il festival
:: presentazione
:: PPT ragazzi
:: Junior
:: dove e come
eventi
:: Cafè Letterario
:: mostre
:: spettacoli
dal vivo
:: notizie
:: nel pallone!
:: ascolta sul PC
:: AUDAY-fanzine
:: Cartoline
:: Ke lettore 6?
:: fotoFestival?
ufficio stampa
:: organizzatori
:: rassegna stampa

 

 

passepartout festival internazionale di letteratura
 
 
  Link consigliati:  
torna indietro
 
25-10-2004
Passepartout a Cuneo
11-14 novembre

Il festival di letteratura Passepartout di Asti sarà presente nell'ambito del progetto Villes et Villages du Livre, Scrittorincittà a Cuneo per la sua sesta edizione nei giorni 11-12-13-14 novembre 2004.

Il tema di quest'anno, "I luoghi delle libertà", invita a un viaggio attraverso il principio guida della cultura occidentale. Una serie di lezioni affidate a specialisti in grado di parlare a tutti, di essere anche degli ottimi divulgatori, saranno dedicate al rapporto tra libertà ed arte, libertà e storia, libertà e letteratura, libertà e filosofia.

In particolare, l’incontro organizzato dal festival astigiano si terrà presso la Sala Monte Reale – Via Cacciatori delle Alpi, 1 giovedì 11 Novembre alle ore 17:30, ed avrà per titolo ORA D'ARIA: STORIE DI CARCERE E DI SPORT; vi prenderanno parte come relatori Candido Cannavò, già direttore della“Gazzetta dello Sport”, che ha raccolto alcune storie di carcere in Libertà dietro le sbarre (Rizzoli 2004); Giorgio Porrà, giornalista sportivo per SKY TV, che ha intervistato nel carcere di Pisa Adriano Sofri per parlare di calcio (Adriano Sofri, attaccante estremo, ScritturaPura 2004); Ruggero Bianchi, giornalista e conduttore della scorsa edizione del festival di letteratura astigiano nei panni di Mister Fog, ed il moderatore Renato Bordone, Presidente di Passepartout Festival e della Biblioteca Astense.

ADRIANO SOFRI, ATTACCANTE ESTREMO: per Adriano Sofri, il recluso più famoso d'Italia, ogni ora d'aria nel carcere di Pisa si consuma così. Ma nella sua intervista esclusiva concessa a Giorgio Porrà di Sky Tv, e pubblicata da Scritturapura Editore, parla di calcio facendolo diventare mezzo di conversazione, per sfiorare sociologia e politica, letteratura e filosofia. Le pagine di un libro per raccogliere quello che in molti hanno considerato una delle migliori interviste mai realizzate per la tv.

Giocare all'attacco: una bella metafora di vita, ma non è proprio così. Adriano Sofri parla di calcio dal carcere di Pisa con più romanticismo che enfasi, com’è nel suo carattere. E Giorgio Porrà, più che intervistarlo, lo induce con pari levità a svelare una passione, attraverso vecchi ricordi personali e abitudini di un quotidiano da recluso. Qui l’analisi non è cercata, è piuttosto discorrendo che si inciampa nelle meraviglie ignote e nei noti paradossi dello "sport nazionale". Parlando, di Albert Camus ma anche di Giovanni Lodetti. Dialogando, capita di dire qualcosa su Ronaldo e Maradona, su Tersite e Pasolini. Le figure dei fuoriclasse si dilatano, e balzano in primo piano eroi sconosciuti, disposti a dare l’anima mentre stanno in porta, durante l'ora d'aria. Il messaggio è che per andare avanti, bisognerebbe retrocedere, se si vuole intenderlo. Questo, tra le altre cose, dice Sofri: "Trovo che si sia esagerato,e la cosa vale in generale per la storia del mondo. Abbiamo esagerato con le foreste. Abbiamo esagerato con le cose da mangiare. Abbiamo esagerato con l'acqua. Abbiamo esagerato moltissimo con il calcio. Allora il problema non è di constatare che abbiamo esagerato, perché è sotto gli occhi di tutti. Il problema è di vedere se è possibile tornare indietro". Ad affiancare questo splendido colloquio tra Giorgio Porrà e Adriano Sofri, Antonio Dipollina e Cesare Fiumi firmano due profondi e significativi interventi veleggiando tra le parole del recluso più famoso d'Italia.

L’evento non solo è una gradita manifestazione della collaborazione che esiste tra i festival gemelli Passepartout di Asti e Scrittorincittà di Cuneo,ma anche uno dei tanti step che anticipa l’evento astigiano del prossimo anno. L’impegno della Biblioteca Astense per l’organizzazione di Passepartout non è mai sceso di tono: sono già state fissate le date per l’edizione 2005, dal 10 al 15 maggio; il tema è stato da tempo deciso ed il programma è in via di definizione. Colonna portante del Festival Passepartout è rappresentata, come sempre, dal gruppo dei Volontari, che anche in questa occasione hanno manifestato il loro ampio coinvolgimento: seguiranno infatti la trasferta a Cuneo con un pullman, di cui saranno comunicati al più presto orari e modalità.

SCARICA IL COMUNICATO STAMPA

www.scrittorincitta.it
Autore Biblioteca Astense




 
  Link consigliati:  
torna indietro
 
 
 

Biblioteca Astense - corso Alfieri 375, 14100 Asti
tel +39.0141.531117-593002 fax +39.0141.531117
info@passepartoutfestival.it
web: www.icozorz.it

:: about PPT

Auday:
scarica l'ultimo numero (15 maggio)

concorsi
un festival, tre concorsi: partecipa e puoi vincere un libro al giorno e un soggiorno per due persone in un agriturismo
:: adotta il festival
:: fotografa PPT
:: vota il libro

una frase al giorno
presi il mio cuore e lo posi nella mia mano lo guardai come ki guarda grani di sabbia o una foglia. lo guardai pavido e assorto come ki sa di esser morto. con l'anima solo commossa del sogno e poco della vita.
fernando pessoa

:: scrivi la tua frase

:: scarica tutte le frasi del cuore (.pdf)